Minacce alla sicurezza di WhatsApp 2019

[ware_item id=33][/ware_item]

Fondata nel 2009,
WhatsApp ha rapidamente lanciato un'enorme popolarità, con un enorme 1,5 miliardi di utenti in oltre 180 paesi; non si può negare l'ambito e
impatto che WhatsApp ha, principalmente a causa della sua enorme base di utenti.


Minacce alla sicurezza di WhatsApp 2019

Tuttavia, con a
piattaforma di messaggistica gigantesca come WhatsApp, con oltre 65 miliardi di messaggi
inviati ogni giorno, sorgono problemi di sicurezza e problemi di privacy.

Dall'arsenale
delle minacce alla sicurezza e delle vulnerabilità che WhatsApp affronta ogni giorno, menzionate
di seguito sono riportati i rischi per la sicurezza più urgenti di cui gli utenti devono essere cauti:

Malware 1-WhatsApp:

Forse di più
il fantasma apparente che tormenta il regno di WhatsApp è il fantasma del malware.

Malware, un
l'aggregazione dei termini "dannoso" e "software" è molto diffusa su
Piattaforma di messaggistica di proprietà di Facebook, principalmente a causa della sua enorme base di utenti,
che invita sia gli hacker che i cyber-criminali a sfruttare le vulnerabilità
del servizio di messaggistica.

Nell'app mobile, gli hacker utilizzano una serie di modi per farlo
infiltrarsi nel servizio di messaggistica, alcuni dei quali includono:

WhatsApp Gold:

Gli hacker
hanno sfruttato la necessità per gli utenti di ottenere l'esclusività integrando la celebrità
con la popolarità di WhatsApp, creando un servizio di messaggistica impreciso da parte di
nome di "WhatsApp Gold".

Anziché
dell'icona verde standard, WhatsApp Gold aveva un'icona d'oro e la prometteva
chat esclusive degli utenti con celebrità. Tuttavia, tutto ciò che l'app ha mai fatto è stato
raccogliere informazioni personali degli utenti attraverso malware esposti.

Videochiamata WhatsApp:

Se
hai pensato che i criminali informatici potessero diffondere malware solo in WhatsApp
la sua funzione di messaggistica, purtroppo ti sei sbagliato.

Attraverso
la funzione di videochiamata integrata in WhatsApp, gli hacker possono inviare malware
che raccoglie informazioni riservate tramite link di terze parti all'interno di
funzione.

  • link:

Maggior parte
di noi che usano WhatsApp regolarmente sono stati probabilmente alla fine della ricezione di
messaggi a catena che ci spingono a fare clic su un link per "vincere $ 50000".

Bene,
con una premessa incredibile come quella, è una sorpresa che la gente cada dentro
trappola. Ma è attraverso questi collegamenti imprecisi e ombrosi che gli hacker e
i criminali informatici si immergono nei nostri smartphone per raccogliere dati su di noi, che
in seguito potrebbe essere sfruttato in molti modi.

  • Skygofree:

Il
conseguenza dell'apertura di collegamenti su WhatsApp può essere avvertita quando prendiamo in considerazione
prospettiva che Skygofree, uno spyware che potrebbe dimostrare di più
minaccia significativa quando si tratta di problemi di privacy.

Skygofree
potrebbe essere efficacemente utilizzato dai criminali informatici per scattare foto e registrare
Messaggi WhatsApp, tra cui registrazioni audio, posizione, password, navigazione
storia per citarne alcuni.

  • Nuova funzione colore:

Un tipo specifico
di malware trovato negli utenti intrappolati di WhatsApp affermando di cambiare i colori di
il servizio di messaggistica.

Il malware
avrebbe quindi incaricato gli utenti di inviare il messaggio a 10 contatti o 5 WhatsApp
gruppi, il che comporterebbe il bombardamento dello smartphone dell'utente
notifiche e pubblicità false che rendono gli hacker un profitto.

WhatsApp
Malware Web:

Oltre a questo,
molti hacker si mascherano come WhatsApp Web, su cui installare malware
computer, che potrebbero avere conseguenze terribili.

Per evitare che si verifichi questa situazione, gli utenti devono assicurarsi di installare la versione autentica del software di messaggistica sui propri dispositivi.

2-Backup non crittografati su WhatsApp:

Messaggi su
WhatsApp è crittografato tramite la crittografia "End-to-End", che è una caratteristica fondamentale di cui WhatsApp è orgoglioso.

Da un capo all'altro
la crittografia, per dirla in termini più semplici, è un tipo di crittografia che consente di
messaggi che devono essere decodificati solo dai destinatari e dai dispositivi del mittente, che
proibisce a terzi, inclusi WhatsApp e Facebook, di visualizzare il
contenuto dei tuoi messaggi.

Tuttavia, a
fattore che potrebbe seriamente minare la crittografia end-to-end è che WhatsApp
ti consente di archiviare un backup dei tuoi messaggi sul tuo dispositivo, nel caso in cui ottengano
cancellato per errore.

Ci sono due
tipi di backup disponibili su WhatsApp; il primo è un backup locale sul tuo
dispositivo mentre il secondo tipo consente un backup basato su cloud.

Su Android,
I backup di WhatsApp sono archiviati su Google Drive, mentre per iOS sono i backup
memorizzato su iCloud.

Entrambi
i file di backup contengono messaggi e supporti non crittografati, che gli conferiscono lo stato di
vacche sacrificali per i criminali informatici, irremovibili nel rubare i tuoi dati.

Sebbene non tale
hacking su larga scala su Google Drive e iCloud si sono ancora verificati, ma non è così
significa che è un motivo di festa. Invece, gli utenti di WhatsApp devono essere di più
più vigile che mai.

Oltre ad
gli hacker che vogliono eseguire attacchi di phishing su larga scala, questi file di backup sono a dir poco
oro per i governi alla ricerca di nuove tecniche di spionaggio.

3- La relazione di Facebook con WhatsApp:

Andiamo fuori
all'aperto; Facebook non ha il meglio della reputazione quando si tratta di
salvaguardando la privacy dell'utente.

Con il sangue che ancora sgorga dalle ferite
inflitto al panorama della privacy dallo scandalo Cambridge Analytica, è sicuro dire che le persone sono ferme
diffidare di Facebook.

Quando Facebook
ha annunciato che stava integrando WhatsApp nel 2014, dire che le persone erano scettiche è il
eufemismo del secolo.

L'europeo
L'Unione (UE) ha approvato la transazione solo dopo che Facebook lo ha assicurato
memorizzerebbe i dati per entrambe le piattaforme separatamente.

Comunque
Facebook non ha impiegato molto tempo a rinunciare a questo accordo. Nel 2016,
WhatsApp ha ristrutturato la sua politica sulla privacy per consentire la trasmissione di dati da
Facebook su WhatsApp.

I passi compiuti da Facebook nel 2016 stanno seguendo i piani di Facebook per il futuro da quando il colosso della tecnologia ha annunciato che avrebbe lanciato un singolo strumento di messaggistica integrato per WhatsApp, Messenger e Instagram.

Il
annuncio, combinato con la famigerata reputazione che Facebook ha raccolto
negli ultimi anni, ha sollevato molti sospetti dai cyber-specialisti sul
mondo dal momento che dà più potere a Facebook, che ha dimostrato di essere
inaffidabile nonostante le promesse fatte.

4- Stato di WhatsApp:

Lanciato il
24 febbraio 2017, lo stato di WhatsApp è stato catapultato in popolarità.

sebbene il
Lo stato di WhatsApp imita da vicino le storie preferite di Instagram, è stato accolto con favore
dagli utenti a mani aperte.

Tuttavia, a differenza
la funzione storia su Instagram, la funzione presente su WhatsApp aumenta
domande.

Instagram
la storia è stata progettata per essere vista dal grande pubblico, mentre tutti voi
i contatti possono visualizzare la storia di WhatsApp, che tu lo voglia o no.

Fortunatamente, per
quegli utenti di WhatsApp che prendono sul serio la privacy, possono essere le impostazioni di stato
configurato in modo tale da consentire agli utenti di impedire la visualizzazione a determinati utenti
il loro stato, riducendo così efficacemente i rischi di hacking e dati
manipolazione.

Come è il caso
con le storie di Instagram e Snapchat, gli utenti troveranno che il loro WhatsApp
le storie spariranno dopo 24 ore.

Notizie false su WhatsApp:

Forse di più
la terribile vulnerabilità presente su WhatsApp è la diffusione di notizie false e bufale attraverso la messaggistica
servizio.

Molti sociali
piattaforme multimediali sono state in prima linea nella diffusione della disinformazione e
affermazioni false attraverso le loro piattaforme.

Tra questi
piattaforme, Facebook e WhatsApp sono state le più diffuse, con Facebook
diffondere e diffondere disinformazione durante le presidenziali statunitensi del 2016
elezione.

Allo stesso modo,
Come visto, WhatsApp è stato esaminato attentamente per la propagazione di notizie false
in particolare in India.

messaggi
inoltrato tramite WhatsApp contenente i dettagli del lead di rapimenti di bambini falsi
alla violenza diffusa in India nel 2017 e nel 2018.

Allo stesso modo, in
le recenti elezioni in corso in India e le tensioni aggravate tra
India e Pakistan, molti hanno usato WhatsApp come piattaforma per creare e inoltrare propaganda.

Mantenendo l'impatto che le notizie false e le informazioni false hanno sulle persone, WhatsApp ha posto dei limiti all'inoltro dei messaggi e uno strumento di autenticazione per verificare se qualcosa è una notizia falsa o no.

fine
Parole:

Adesso che tu
sapere tutto sulle minacce alla sicurezza e sui rischi che occupano WhatsApp, potresti esserlo
chiedendosi se utilizzare o meno la piattaforma di messaggistica.

Bene, la risposta
a quella domanda è sì.

In poche parole,
non esiste un'unica app sul mercato che fornisce le funzionalità di WhatsApp
sì, il che rende WhatsApp quasi parte integrante dell'esperienza online di molti.

Per quanto riguarda la
svantaggi, WhatsApp ha fissato una pietra miliare quando ha incorporato la crittografia end-to-end
nella piattaforma.

Possiamo solo sperare che la società continui a farlo
migliorare in futuro e lavora sulle lacune di sicurezza e privacy presenti
nel popolare servizio di messaggistica.

Fino ad allora, è nostra responsabilità come utenti essere cauti e consapevoli delle minacce presenti e delle loro soluzioni.