Ricerca forzata e sequestri alla frontiera degli Stati Uniti è un abuso di costituzione – Rebecca Jeschke EFF

[ware_item id=33][/ware_item]

Poco dopo che Trump ha vietato l'ingresso di persone, gli agenti di frontiera statunitensi hanno aumentato i cittadini indagando sulle loro credenziali personali. I cittadini statunitensi, i residenti permanenti e i titolari di visto sono obbligati a mostrare le loro informazioni personali sui loro dispositivi elettronici.


I cittadini statunitensi si lamentano dell'atteggiamento degli agenti di frontiera "dai il tuo dispositivo o torna indietro" e anche la legalità di tale azione è in discussione. Tuttavia, le leggi statunitensi in materia di frontiere vietano la ricerca delle credenziali delle persone senza alcuna causa autentica.

Gli esperti stanno ora suggerendo alle persone che visitano gli Stati Uniti di essere vigili, calme e attente e di seguire le misure per garantire la loro privacy ai confini degli Stati Uniti. Inoltre, le persone che hanno intenzione di viaggiare in America dovrebbero sapere; come proteggere la loro cronologia di navigazione, in quanto gli agenti controllano anche i siti che visitano.

Per ottenere approfondimenti e conoscere il problema che abbiamo condotto e intervistato con Rebecca Jeschke, direttore delle relazioni con i media e analista dei diritti digitali, EFF. EFF è l'organizzazione che lavora per le libertà civili nel mondo digitale e sono anche operative per risolvere i problemi che le persone si trovano ad affrontare al confine degli Stati Uniti in merito alle loro preoccupazioni sulla privacy.

ENCRYPTED: Raccontaci qualcosa di te:

Ho lavorato in EFF per 12 anni, lottando per la privacy, la libertà di parola e l'innovazione online e in tutti i nostri dispositivi digitali.

ENCRYPTED: C'è stata la recente ondata di lamentele da parte di persone che visitano gli Stati Uniti riguardo al controllo ingiusto dei loro dispositivi elettronici. Potrebbe essere l'inizio di tumulti e disordini nel paese?

REBECCA: È chiaro che alla gente non piacciono le ricerche invasive e aumentate alla frontiera. Penso che le persone continueranno a protestare contro le ricerche e i sequestri ingiusti.

ENCRYPTED: Le persone oggi archiviano le loro informazioni più intime sui loro dispositivi elettronici, riflettendo i loro pensieri, esplorazioni, attività e associazioni. È corretto interferire con la loro privacy senza alcun motivo autentico?

REBECCA: No, non è giusto o semplicemente fare una ricerca alla frontiera senza motivo. Riteniamo che gli agenti di frontiera dovrebbero avere un mandato prima di effettuare ricerche. Ciò significa che devono avere una causa probabile che quella persona abbia commesso un crimine e il giudice deve essere d'accordo. Non è quello che sta succedendo ora.

Il FEP ha anche menzionato nel loro rapporto che, sebbene gli agenti di frontiera rispetto alle persone e alla polizia interna abbiano più poteri e le persone che visitano il paese abbiano meno privacy. Ma il confine non è un luogo senza restrizioni costituzionali. I poteri degli agenti di frontiera sono limitati attraverso il Primo emendamento (libertà di parola, associazione, stampa e religione), il Quarto emendamento (libertà da ricerche e sequestri irragionevoli), il quinto emendamento (libertà dall'autoincriminazione forzata) e il quattordicesimo Emendamento (libertà dalla discriminazione).

ENCRYPTED: Molte persone viaggiano per motivi di lavoro o determinate questioni ufficiali. Tuttavia, le persone in molte professioni, come avvocati e giornalisti, hanno un forte bisogno di mantenere riservate le loro informazioni elettroniche. Quindi, quali implicazioni potrebbe avere in quanto le loro informazioni sono confidenziali, specialmente nel giornalismo investigativo?

REBECCA: È sicuramente difficile per giornalisti, avvocati e altri che viaggiano in questo momento. I giornalisti hanno spesso le informazioni che devono tenere segrete per proteggere la sicurezza personale delle fonti. Gli avvocati hanno conversazioni privilegiate con i loro clienti ogni giorno e questi devono rimanere riservati per motivi di equità. Puoi seguire i suggerimenti su come proteggere i tuoi dati qui:

https://www.eff.org/document/eff-border-search-pocket-guide

ENCRYPTED: Sotto il Primo e il Quarto emendamento, la ricerca indiscriminata dei dispositivi elettronici americani alla frontiera è illegale e devono avere una causa probabile per portare a termine tali azioni. In quale posizione vedi la legalità di questa iniziativa presa dal governo degli Stati Uniti?

REBECCA: Speriamo che il Congresso chiarisca che è necessario un mandato per le ricerche di frontiera.

Ha sottolineato le sue precedenti risposte in merito alla probabile causa. Cosa significa che questo mese è stato presentato al Congresso un disegno di legge che richiederebbe la protezione doganale e delle frontiere degli Stati Uniti o altri agenti governativi per ottenere un probabile mandato di causa prima di cercare i dispositivi digitali di cittadini statunitensi e residenti permanenti legali alla frontiera.

Ma la CBP sostiene irragionevolmente che l'interesse della privacy per i viaggiatori nei dispositivi digitali non è diverso da quello dei bagagli o di altri oggetti fisici che i viaggiatori possono portare con sé oltre confine, quindi il CBP applica ai dispositivi digitali la tradizionale "eccezione di ricerca di frontiera" al Quarto Emendamento , che consente di effettuare ricerche di frontiera "di routine" meno e sospette.

Ecco un disegno di legge che potrebbe aiutare: https://www.eff.org/deeplinks/2017/04/border-search-bill-would-rein-cbp

ENCRYPTED: Se hai viaggiato in alcuni paesi collegati al terrorismo, al traffico di droga o al turismo sessuale, potrebbe attirare un ulteriore controllo da parte degli agenti di frontiera, ha affermato il governo degli Stati Uniti. Lo considereresti la vera causa del controllo estremo o è solo una dichiarazione per giustificare le loro politiche?

REBECCA: Se il governo ottiene un mandato in base a una causa probabile, dovrebbe essere in grado di cercare dispositivi digitali. Per le ragioni del governo per cui non sono d'accordo con questo, dovrai chiederglielo!

ENCRYPTED: Il segretario alla sicurezza nazionale John Kelly afferma che gli Stati Uniti potrebbero voler migliorare le procedure di controllo per i viaggiatori provenienti da ben 14 paesi. Secondo te quali saranno gli impatti di questo comportamento discriminatorio da parte di determinati paesi.

REBECCA: Dovremmo vedere le procedure di verifica specifiche prima di poter vedere qual è l'impatto. Ma penso che ci siano già state molte storie di notizie sulla riduzione dei viaggi negli Stati Uniti a seguito dell'ordine esecutivo e di altri problemi di viaggio.

ENCRYPTED: Dopo, Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha firmato il primo ordine esecutivo di divieto di viaggio il 20 gennaio 2017. I contatti iniziali tra Trump e i leader di Australia, Germania, Messico e Cina non sono andati bene, con conseguente pubblicità negativa nei paesi che inviano un sacco di viaggiatori in America. Pensi che questo movimento del governo degli Stati Uniti stia influenzando le loro relazioni globali?

REBECCA: Certamente ci penserei due volte su andare in nazioni che potenzialmente potrebbero confiscare il mio computer e il mio telefono - non sarei sorpreso se molte altre persone si sentissero allo stesso modo.

ENCRYPTED: Quanto sei positivo che il FEP, altre libertà civili e la legge riusciranno a fermare tali pratiche intrusive nell'ordine dell'amministrazione Trump?

REBECCA: Stiamo facendo del nostro meglio! E continueremo a lavorare fino a quando non vinceremo.

ENCRYPTED: Quali sono le misure che il FEP sta adottando in tale situazione?

REBECCA: Ha sottolineato rapporti, blog, guide, documenti informativi, ecc. Che dimostrano che il FEP in questo senso, sta lavorando sodo per eliminare i problemi affrontati dalle persone. Le guide per proteggere la privacy delle persone sono state fornite in modo che chiunque prima di visitare gli Stati Uniti potesse seguire tali misure.

L'organizzazione del FEP sta anche protestando contro questo atto illegale parlando contro tali pratiche di fronte al tribunale.

Abbiamo studiato molto, come il nostro white paper e i nostri fogli informativi: https://www.eff.org/wp/digital-privacy-us-border-2017,

https://www.eff.org/document/digital-privacy-us-border,

https://www.eff.org/document/eff-border-search-pocket-guide.

Abbiamo anche presentato una richiesta in tribunale:

https://www.eff.org/press/releases/border-agents-need-warrant-search-travelers-phones-eff-tells-court.

E sosteniamo le proposte di riforma:

https://www.eff.org/deeplinks/2017/04/border-search-bill-would-rein-cbp

ENCRYPTED: Qual è il tuo suggerimento per le persone che intendono viaggiare negli Stati Uniti, in merito alle misure che dovrebbero seguire per garantire la loro privacy?

REBECCA: Vedi il white paper

https://www.eff.org/wp/digital-privacy-us-border-2017

e il cercapersone

https://www.eff.org/document/eff-border-search-pocket-guide.

La situazione di ognuno è diversa, quindi ognuno dovrà fare cose diverse!

In questi documenti, l'organizzazione FEP ha pubblicato un lungo rapporto per guidare le persone sulle misure di sicurezza che dovrebbero seguire al confine con gli Stati Uniti. Tuttavia, tenendo conto della situazione delle persone, hanno suggerito modi diversi per le persone in condizioni diverse.